PTPCT2022-2024 – pubblica consultazione

 

 

   

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E LA TRASPARENZA DELL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI LECCO

(2022 – 2024)

 

 Predisposto dal RPCT in Bozza il 14/03/2022

Schema preliminare approvato dal Consiglio il 08/04/2022

Approvato in via definitiva dal Consiglio il __/____/_____

 

Avvertenze metodologiche

Il presente piano è stato elaborato prendendo come riferimento il “Piano Nazionale Anticorruzione” e gli altri documenti elaborati dall’ANAC.

Chi dovesse riscontrare omissioni, imprecisioni o errori è pregato di effettuare una segnalazione all’indirizzo PEC istituzionale: ord.lecco@cert.legalmail.it, indirizzando apposita nota al Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza.

 

 

INDICE:

 

INDICE

PAG.

 PREMESSA METODOLOGICA

3

 RIFERIMENTI NORMATIVI

4

 l’ORDINE

6

 SCOPO E FUNZIONI DEL PTPCT

6

 GLI OBIETTIVI STRATEGICI DELL’ORDINE PER IL CONTRASTO ALLA CORRUZIONE: I PRINCIPI DEL TRIENNIO 2022 – 2024

7

 CONTESTO DI RIFERIMENTO – L’ORDINE, IL RUOLO ISTITUZIONALE E LE ATTIVITÀ SVOLTE

9

 CONTESTO INTERNO: L’ORGANIZZAZIONE

10

 PROCESSO DI ADOZIONE DEL PTPCT

11

 PUBBLICAZIONE DEL PTPCT

11

SOGGETTI COINVOLTI NEL PTPCT

11

−  L’INDIVIDUAZIONE E LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO: METODOLOGIA UTILIZZATA

13

 SEZIONE TRASPARENZA

22

 ELENCO DEGLI ALLEGATI

25

 

Premessa metodologica

In continuità con il precedente Piano, il presente, che si sta aggiornando, è stato basato sul nuovo approccio fatto proprio dall’Autorità Nazionale Anticorruzione con il PNA 2019 ove è stato evidenziato che:

“[…] Pur in continuità con i precedenti PNA, l’Autorità ha ritenuto di sviluppare ed aggiornare nel PNA 2019 le indicazioni metodologiche per la gestione del rischio corruttivo confluite nel documento metodologico, Allegato 1) al presente Piano, cui si rinvia.

Esso costituisce l’unico riferimento metodologico da seguire nella predisposizione del PTPCT per la parte relativa alla gestione del rischio corruttivo e aggiorna, integra e sostituisce le indicazioni metodologiche contenute nel PNA 2013 e nell’Aggiornamento PNA 2015. […]”

Il PNA 2019, come già indicato nel precedente piano, ha dato, infatti, una struttura ben più precisa a tutta la materia, cercando di fare ordine e sintesi di tutto quanto già prodotto.

Di conseguenza, in continuità con il precedente, il presente si pone, appunto, l’obiettivo della semplificazione e della sintesi, cercando di utilizzare meno testi e più schemi o tabelle.

Anche per la redazione del presente Piano, non può essere dimenticato l’impatto della pandemia da COVID 2019 sull’organizzazione dell’Ente e sulla stessa redazione, applicazione, implementazione e monitoraggio del PTPCT precedente e di quello presente e qui approvato.

Infatti, anche la più parte dell’anno appena trascorso, come noto, è stata fortemente caratterizzata dalle limitazioni imposte dalla pandemia ancora in atto.

Tutto ciò ha fortemente condizionato l’attività dell’Ordine per far fronte all’emergenza sanitaria; l’attività da remoto di molti dipendenti, la sospensione o limitazione di molti servizi e la difficoltà se non impossibilità materiale di svolgere attività di monitoraggio (in quanto le attività stesse da monitorare erano fortemente condizionate dall’emergenza sanitaria) hanno stravolto la “normalità amministrativa” dell’Ente.

Ciò nonostante, si è cercato di adeguare sempre più la struttura ed i contenuti del presente Piano all’impostazione del PNA 2019, elaborando un PTPCT snello, con maggiore attenzione aggiuntiva alla “trasparenza” e sposando un approccio di tipo qualitativo.

 

Riferimenti Normativi

Il Piano Triennale per la prevenzione della corruzione e la trasparenza del triennio 2022 – 2024 (d’ora in poi anche solo “PTPCT 2022 – 2024”) è stato redatto in conformità alla seguente normativa:

  • Legge 6 novembre 2012, n͘ 190 recante “Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella Pubblica Amministrazione” (d’ora in poi per brevità “Legge Anti-Corruzione” oppure L͘ 190/2012).
  • Decreto legislativo 14 marzo 2013, n͘ 33 recante “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni, approvato dal Governo il 15 febbraio 2013, in attuazione di commi 35 e 36 dell’art͘ 1 della l͘ n͘ 190 del 2012” (d’ora in poi, per brevità, “Decreto Trasparenza” oppure D.Lgs. 33/2013)
  • Decreto legislativo 8 aprile 2013, n͘ 39 recante “Disposizioni in materia di inconferibilità e incompatibilità di incarichi presso le pubbliche amministrazioni e presso gli enti privati in controllo pubblico, a norma dell’articolo 1, comma 49 e 50, della legge 6 novembre 2012, n͘ 190 (d’ora in poi, per brevità “Decreto inconferibilità e incompatibilità”, oppure D.Lgs. 39/2013)
  • Decreto legislativo 25 maggio 2016 n͘ 97 recante “Revisione e semplificazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione, pubblicità e trasparenza, correttivo della legge 6 novembre 2012, n. 190 e del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33, ai sensi dell’articolo 7 della legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche”
  • Legge 25 aprile 1938, n͘ 897, recante “Norme sull’obbligatorietà dell’iscrizione negli albi professionali e sulle funzioni relative alla custodia degli albi”
  • Decreto Legislativo Luogotenenziale 23 novembre 1944 n͘ 382, recante “Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni Centrali Professionali”
  • Decreto legislativo Presidenziale 21 giugno 1946, n͘ 6 recante “Modificazioni agli ordinamenti professionali”
  • Decreto del Presidente della Repubblica 5 giugno 2001, n͘ 328, recante “Modifiche ed integrazioni della disciplina dei requisiti per l’ammissione all’esame di Stato e delle relative prove per l’esercizio di talune professioni, nonché’ della disciplina dei relativi ordinamenti”
  • Decreto del Presidente della Repubblica 08 luglio 2005, n͘ 169, recante “Regolamento per il riordino del sistema elettorale e della composizione degli organi di ordini professionali”
  • Decreto del Presidente della Repubblica 7 agosto 2012, n͘ 137, recante “Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell’articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n͘ 148”;
  • Legge 31 dicembre 2012, n. 247 – c.d. “nuova legge professionale”;
  • Codice Deontologico Forense approvato dal Consiglio Nazionale Forense nella seduta del 31 gennaio 2014 e pubblicato sulla G.U.R.I. n. 241 del 16 ottobre 2014, in vigore dal 15 dicembre 2014;
  • Regolamento (UE) 2016/679 concernente le “Norme relative alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché norme relative alla libera circolazione di tali dati” nonché dal D.lgs n. 196/2003 così come riformato dal D.Lgs. n. 101/2018;
  • D.L. 31 Agosto 2013, n.101 recante “Disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione delle pubbliche amministrazioni”, convertito dalla L. 30 ottobre 2013 n.125, nelle parti relative agli ordini professionali (art.2, co. 2 e 2 bis);
  • Legge 30 novembre 2017, n. 179 recante “Disposizioni per la tutela degli autori di segnalazioni di reati o irregolarità di cui siano venuti a conoscenza nell’ambito di un rapporto di lavoro pubblico o privato”;

 

Ed in conformità a:

  • Delibera ANAC (già CIVIT) n͘ 72 dell’11 settembre 2013 con cui è stato approvato il Piano Nazionale Anticorruzione (d’ora in poi per brevità PNA);
  • Delibera ANAC n. 145/2014 del 21 ottobre 2014 avente per oggetto: “Parere dell’Autorità sull’applicazione della l͘ n͘190/2012 e dei decreti delegati agli Ordini e Collegi professionali”;
  • Determinazione ANAC n͘. 12 del 28 ottobre 2015, Aggiornamento 2015 al PNA” (per brevità Aggiornamento PNA 2015);
  • Delibera n͘. 831 del 3 agosto 2016 “Determinazione di approvazione definitiva del Piano Nazionale Anticorruzione 2016” (per brevità PNA 2016);
  • Delibera ANAC n͘ 1310/2016 “Prime linee guida recanti indicazioni sull’attuazione degli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni contenute nel D.Lgs. 33/2013 come modificato dal D.Lgs. 97/2016”;
  • Delibera ANAC n͘ 1309/2016 “Linee guida recanti indicazioni operative ai fini della definizione delle esclusioni e dei limiti all’accesso civico di cui all’art͘ 5 co͘ 2 del D.Lgs. 33/2013, Art͘ 5- bis, comma 6, del d.lgs. n. 33/2013 recante Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni».
  • Determinazione n. 1134 del 8/11/2017 “Nuove linee guida per l’attuazione della normativa in materia di prevenzione della corruzione e trasparenza da parte delle società e degli enti di diritto privato controllati e partecipati dalle pubbliche amministrazioni e degli enti pubblici economici”;
  • Comunicato del Presidente del 28 giugno 2017, avente ad oggetto: chiarimenti in ordine alla disciplina applicabile agli Ordini professionali in materia di contratti pubblici;
  • Deliberazione ANAC n. 840 del 2 ottobre 2018 sulla corretta interpretazione dei compiti del RPCT;
  • Deliberazione ANAC n.1074 del 21 Novembre 2018 di approvazione definitiva dell’aggiornamento 2018 al Piano Nazionale Anticorruzione;
  • Deliberazione ANAC n.1064 del 13 Novembre 2019 di approvazione in via definitiva del Piano Nazionale Anticorruzione 2019 (PNA 2019);
  • Deliberazione ANAC n. 777 del 24 novembre 2021 pubblicata il 14 dicembre 2021 riguardante “proposte di semplificazione per l‘applicazione della normativa anticorruzione e trasparenza agli ordini e collegi professionali”

 

Tutto quanto non espressamente previsto dal presente PTPCT si intende regolamentato dalla normativa di riferimento, in quanto applicabile e compatibile, secondo il disposto dell’art. 2 bis, co. 2 del D.Lgs. n. 33/2013.

Trattasi di c.d. “rinvio dinamico” ovverosia esso ha l’effetto di dare rilevanza a tutte le norme che la fonte di volta in volta è in grado di produrre e quindi a tutte le modifiche che queste subiscono.

Il PTPCT 2022 – 2024 si compone del presente documento e degli allegati che ne fanno parte sostanziale e integrante, di modo che tutti i documenti che lo compongono siano letti ed interpretati l’uno per mezzo degli altri.

 

 

 

L’Ordine

 

  1. L’Ordine degli Avvocati di Lecco

L’Ordine degli Avvocati di Lecco (d’ora in poi, per brevità, l’Ordine) garantisce la correttezza, la trasparenza e l’integrità delle proprie attività istituzionali, in conformità a quanto disposto dall’ordinamento giuridico vigente in materia di anticorruzione e trasparenza e a tal fine si adegua ai precetti normativi, in quanto compatibili, tenuto conto della propria funzione, organizzazione interna e forma di finanziamento che caratterizzano l’Ordine e che lo rendono specifico e peculiare rispetto ad altre Pubbliche Amministrazioni.

L’Ordine, pertanto, in continuità con quanto già posto in essere sin dal 2016, attraverso il presente documento individua per il triennio 2022 – 2024, la propria politica anticorruzione e trasparenza, i propri obiettivi strategici, i processi individuati come maggiormente esposti al rischio e le misure -obbligatorie e ulteriori- di prevenzione della corruzione. Individua, inoltre, nella sezione trasparenza la propria politica e modalità di pubblicazione dei dati di cui al D.lgs 33/2013, avuto riguardo a modalità e responsabili di pubblicazione, nonché le modalità per esperire l’accesso civico e l’accesso civico generalizzato.

L’Ordine, altresì, riforma parzialmente la propria sezione trasparenza al fine di conferire maggiore semplicità, razionalità ed operatività in relazione all’individuazione dei soggetti referenti della trasparenza, declinando in maniera più precisa ed univoca le specifiche responsabilità in tema di reperimento, trasmissione e pubblicazione dei dati ed aggiungendo ed eliminando categorie di dati, così conformandosi ancora in maniera più stringente al dettato di cui al D.lgs 33/2013 e s.m.i. così come di recente interpretato dalla Deliberazione ANAC n. 777/2021.

L’Ordine degli Avvocati di Lecco anche per il prossimo triennio, con il presente documento, aderisce al c͘.d͘. “doppio livello di prevenzione” consistente nella condivisone -nel continuo- delle tematiche anticorruzione e trasparenza con le norme generali e nell’adeguamento ai precetti secondo Linee Guida e istruzioni fornite a livello centrale e implementate a livello locale in considerazione delle proprie specificità e del proprio contesto, sia organizzativo che di propensione al rischio.

  1. Soggetti

Relativamente alla predisposizione e implementazione del PTPCT dell’Ordine, risultano coinvolti i seguenti soggetti:

  • il Consiglio dell’Ordine, chiamato a predisporre gli obiettivi strategici in materia di anticorruzione e misure di trasparenza e ad adottare il PTPCT attraverso un doppio passaggio (preliminare approvazione di uno schema e successiva approvazione di un PTPCT definitivo);
  • Non esistendo una molteplicità di Uffici non esistono i relativi Responsabili;
  • Il/i Dipendente/i dell’Ordine impegnato/i nelle attività e nel processo di identificazione del rischio e di attuazione delle misure di prevenzione;
  • il RPCT, individuato in un componente privo di deleghe del Consiglio dell’Ordine, chiamato a svolgere i compiti previsti dalla normativa e dettagliatamente precisati nell’allegato 2 alla Deliberazione ANAC n͘. 1074 del 21 Novembre 2018 e nella parte IV del Piano Nazionale Anticorruzione 2019 approvato con Delibera n.1064 del 13 Novembre 2019.

 

Scopo e Funzione del PTPCT

 

Il PTPCT è lo strumento di cui l’Ordine si dota per:

  • prevenire la corruzione e l’illegalità attraverso una valutazione del livello di esposizione dell’Ordine ai fenomeni di corruzione, corruttela e mala gestio;
  • compiere una ricognizione ed una valutazione delle aree nelle quali il rischio di corruzione appare più elevato, avuto riguardo alle aree e attività già evidenziate dalla normativa di riferimento (cfr. art. 1, co.16 Legge anticorruzione), dal PNA 2013, dall’aggiornamento al PNA 2015, dal PNA 2016 nella sezione specifica dedicata agli Ordini professionali (parte speciale III, Ordini Professionali), dalla Deliberazione ANAC 777/2021 nonché delle altre aree che dovessero risultare sensibili in ragione dell’attività svolta;
  • individuare le misure preventive del rischio e garantendone esecuzione;
  • garantire l’idoneità, sia sotto il profilo etico sia sotto il profilo operativo e professionale, dei soggetti chiamati ad operare nelle aree ritenute maggiormente sensibili al rischio corruzione e illegalità;
  • facilitare e assicurare la puntuale applicazione delle norme sulla trasparenza, tenuto conto della loro compatibilità e applicabilità;
  • facilitare e assicurare la puntuale applicazione delle norme sulle inconferibilità ed incompatibilità;
  • assicurare l’applicazione del Codice di comportamento dei dipendenti dell’Ordine di Lecco;
  • tutelare il dipendente che effettua segnalazioni di illecito (c.d. Whistleblower) anche in ottemperanza a quanto previsto dalla Legge n.179/2017;
  • garantire l’accesso civico e l’accesso civico generalizzato in conformità alla normativa di riferimento.

Il presente PTPCT deve essere letto, interpretato ed applicato tenuto conto:

−          del disposto del Codice di Comportamento dell’Ordine degli Avvocati di Lecco approvato dal Consiglio dell’Ordine in data 13/09/2021 che costituisce parte integrante e sostanziale del presente documento (cfr., Allegato 9 Codice di Comportamento)

−          del Codice Deontologico Forense approvato dal Consiglio Nazionale Forense nella seduta del 31 gennaio 2014 e pubblicato sulla G.U.R.I. n. 241 del 16 ottobre 2014, in vigore dal 15 dicembre 2014.

Nella predisposizione del presente PTPCT, l’Ordine tiene conto della propria peculiarità di ente pubblico non economico e applica il principio di proporzionalità, di efficienza e di efficacia, avuto riguardo alle proprie dimensioni, all’organizzazione interna, alla circostanza che la gestione e amministrazione dell’ente è di natura mista, ovvero di pertinenza sia degli organi di indirizzo politico-amministrativo (Consiglio dell’Ordine) sia dei dipendenti e collaboratori impegnati in attività amministrative e gestionali, alla circostanza che sia il Consiglio Nazionale Forense che gli Ordini territoriali sono enti auto- finanziati per il tramite del contributo degli iscritti, e ad altri fattori che di volta in volta possano ritenersi incidenti sulla struttura e sugli obiettivi del documento stesso.

 

Gli obiettivi strategici dell’Ordine per il contrasto alla corruzione: i principi del triennio 2022 – 2024

L’Ordine, anche per il triennio 2022 – 2024 intende proseguire e rafforzare la propria conformità alla normativa di trasparenza e il proprio impegno a porre in essere misure di prevenzione, in conformità agli obiettivi strategici adottati con specifico riferimento all’area anticorruzione e trasparenza.

Obiettivo

Modalità

Soggetti

Tempi

 

Pubblicazione dati informazioni nella rinnovata sezione “Amministrazione trasparente” tramite il portale trasparenza dell’Ordine di Lecco

Formare/ rimodulare /rinnovare la nuova Sezione secondo le linee guida di cui alla deliberazione ANAC n.1310/2016 ed alla deliberazione ANAC 777/2021

Dipendente/i

Responsabile della trasmissione e pubblicazione

Entro 31 dicembre 2022 l’impianto di rimodulazione; a seguire gli aggiornamenti

 

Implementazione delle attività connesse alla gestione del nuovo regolamento disciplinante l’accesso agli atti documentale, l’accesso civico e l’accesso civico generalizzato

Controlli pubblicazione aggiornamenti del registro degli accessi documentali, accesso civico e accesso civico generalizzato.

Ufficio Segretaria, RPCT, Dipendente/i

Entro 31 dicembre 2022; a seguire controlli ed aggiornamenti con cadenza trimestrale.

Proseguire il progetto di revisione dei contenuti informativi e del sito tale da favorire la massima coerenza e riconoscibilità di tutte le informazioni implementando progressivamente i contenuti mi-nimi previsti da D.Lgs. n. 33/2013 e 97/2016;

Adottare misure organizzative secondo le norme vigenti (art.9 D.L. 18-10-2012, n. 179 convertito Legge 17-12-2012 n. 221“Documenti informatici, dati di tipo aperto e inclusione digitale”) per garantire accesso telematico e riutilizzo dati. Eliminare le informazioni superate o non più significative ed in ogni caso identificare i periodi di tempo entro i quali mantenere i dati online ed i relativi trasferimenti nella sezione di Archivi conformemente alle esplicite prescrizioni del D.Lgs. n. 33/2013

Ufficio Segreteria, dipendente/i, Consiglio

Ufficio Segreteria Dipendente/i

Responsabile della trasmissione e della pubblicazione

Entro 31 dicembre 2022

Di volta in volta su aggiornamenti e complessivamente entro dicembre 2022

Migliorare l’offerta formativa in materia di prevenzione alla corruzione e per migliorare la trasparenza al fine di semplificare le procedure telematiche e dare una maggiore accessibilità agli utenti.

Partecipazione dipendente/i e consiglieri a corsi in materia Prevenzione della corruzione e Trasparenza.

Dipendente/i, Consiglio

Entro 31 dicembre 2022

Migliorare il sistema informatico per l’individuazione dei soggetti da nominare nell’Organismo di Mediazione con adeguata rotazione e implementare i controlli nella gestione delle autocertificazioni nella costituzione dei nuovi elenchi e garantire il principio di imparzialità, in caso di richieste, nell’indicazione a soggetti terzi di colleghi iscritti.

Revisione ed implementazione dei programmi informatici esistenti su rotazioni e controlli. Pubblicare le richieste di Enti e soggetti terzi al fine di garantire il principio di imparzialità nei confronti degli iscritti.

Ufficio Segreteria, dipendente/i, Consiglio

Entro 31 dicembre 2022 l’impianto di rimodulazione; a seguire gli aggiornamenti

Promozione di maggiore condivisione con stakeholder (identificati principalmente negli iscritti, negli enti terzi in qualunque modo collegati, nei provider di formazione, nelle Autorità ed enti pubblici).

La maggiore condivisione sarà attuata attraverso l’inserimento all’Ordine del giorno di ogni seduta di Consiglio di un punto gestito dal Consigliere delegato all’anticorruzione per agevolare la trattazione di novità in materia di anticorruzione

Ufficio Segreteria

Consiglio

Entro 31 dicembre 2022

           

 

Contesto di riferimento – L’Ordine, il ruolo istituzionale e le attività svolte

Come anche richiesto ed indicato dal PNA 2019, l’analisi del contesto esterno ed interno costituisce la prima ed indispensabile fase del processo di gestione del rischio, attraverso la quale si ottengono le informazioni necessarie a comprendere come il rischio corruttivo possa verificarsi all’interno dell’Amministrazione in considerazione delle specificità dell’ambiente in cui essa opera, ossia delle dinamiche sociali, economiche e culturali che si verificano nel territorio presso il quale essa è localizzata.

  • Contesto esterno

L’analisi del contesto esterno ha essenzialmente due obiettivi: 

  1. il primo, evidenziare come le caratteristiche strutturali e congiunturali dell’ambiente nel quale l’amministrazione si trova ad operare possano favorire il verificarsi di fenomeni corruttivi;
  2. il secondo, come tali caratteristiche ambientali possano condizionare la valutazione del rischio corruttivo e il monitoraggio dell’idoneità delle misure di prevenzione.

Da un punto di vista operativo, l’analisi prevede sostanzialmente due tipologie di attività: 1) l’acquisizione dei dati rilevanti; 2) l’interpretazione degli stessi ai fini della rilevazione del rischio corruttivo. 

Con riferimento al primo aspetto, l’amministrazione utilizza dati e informazioni sia di tipo “oggettivo” (economico, giudiziario, ecc.) che di tipo “soggettivo”, relativi alla percezione del fenomeno corruttivo da parte degli stakeholder. 

Ai fini dello svolgimento di tale analisi, l’Ente si è avvalso degli elementi e dei dati contenuti nelle relazioni periodiche sullo stato dell’ordine e della sicurezza pubblica.

In particolare, sono state consultate:

https://www.senato.it/leg/18/BGT/Schede/docnonleg/40717.htm  

Un ulteriore elemento di valutazione per l’ambito territoriale è rappresentato dal Distretto della Corte di Appello di Milano per cui si richiamano le valutazioni espresse dal Procuratore generale della Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Milano e dal Presidente della Corte di Appello di Milano al cui link del sito web della Corte di Appello di Milano si rimanda:

http://www.ca.milano.giustizia.it/stato_giustizia.aspx?pnl=1

nonché quelle contenute nella Relazione del Presidente della Sezione Giurisdizionale della Corte dei Conti della Lombardia all’inaugurazione dell’anno giudiziario 2021 al cui link del sito web della Corte dei Conti si rimanda:

https://www.corteconti.it/HOME/Documenti/DettaglioDocumenti?Id=00b2de1b-a144-4ab3-baff-5d02cede0d8f

Si deduce quindi che il contesto esterno dell’Ente (Regione Lombardia) evidenzia un quadro criminale multiforme, ma l’Ordine degli Avvocati di Lecco non è stato interessato da alcuna indagine.

  • Contesto interno

L’analisi del contesto interno investe aspetti correlati all’organizzazione e alla gestione per processi che influenzano la sensibilità della struttura al rischio corruttivo.

L’analisi ha lo scopo di far emergere sia il sistema delle responsabilità, che il livello di complessità dell’amministrazione. 

Entrambi questi aspetti contestualizzano il sistema di prevenzione della corruzione e sono in grado di incidere sul suo livello di attuazione e di adeguatezza. 

L’analisi del contesto interno è incentrata:  

–    sull’esame della struttura organizzativa e delle principali funzioni da essa svolte, per evidenziare il sistema delle responsabilità;

–    sulla mappatura dei processi e delle attività dell’ente, consistente nella individuazione e nell’analisi dei processi organizzativi. 

Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati non è organo di governo che esercita attività di indirizzo politico, perché i compiti affidatigli dalla legge professionale sono specifici e privi di scelte discrezionali, anche con riferimento a quella parte di funzioni esercitate su delega dello Stato per le attività in favore della collettività, come ad esempio la gestione dell’ammissione del cittadino al gratuito patrocinio, laddove il Consiglio si limita ad effettuare un semplice controllo formale sulla capacità reddituale del richiedente sulla scorta del modello 730 o CUD dallo stesso fornito.

Pertanto, tenuto conto della peculiarità dell’attività amministrativa svolta dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati, anche il presente PTPCT si sottrae ad alcune regole imposte dalla Legge n. 190/2012 per la generalità degli Enti Pubblici ed in particolare per quelli che godono di provvidenze pubbliche ovvero che svolgano attività delegata di incasso imposte o tasse per conto dello Stato ovvero di Enti Territoriali.

In particolare, così come anche chiarito dall’ANAC nel PNA 2016, il Piano è stato adottato senza che siano state sentite le associazioni rappresentate nel Consiglio Nazionale dei consumatori e degli utenti; né si è prevista la costituzione di un Organismo Interno di Vigilanza (OIV) stante la mancata indicazione degli enti pubblici non economici nell’art. 74 del D.Lgs. n. 150/2009, recante Attuazione della Legge n. 15/2009, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni; né si è previsto, tra le misure di prevenzione, la rotazione degli incarichi per il personale dipendente perché, per la esiguità del numero dei dipendenti, l’Ordine non si è dotato di una pianta organica con definizione specifica delle competenze per singolo dipendente.

Il RPCT dell’Ordine è contestualmente anche il Responsabile della Trasparenza ai sensi di quanto previsto in virtù delle modifiche introdotte dal legislatore nel D.Lgs. n. 97/2016 che ha riunito in un solo soggetto l’incarico di responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza.

Le attribuzioni assegnate all’Ordine, così come dalla Legge Professionale, sono:

  • Formazione ed annuale revisione e pubblicazione dell’Albo;
  • Definizione del contributo annuo dovuto dagli iscritti;
  • Amministrazione dei proventi e delle spese con compilazione di un bilancio preventivo e di un conto consuntivo annuale;
  • A richiesta dell’iscritto, formulazione di parere sulla liquidazione di onorari e spese;
  • A richiesta anche di una sola delle parti, intervento nelle contestazioni insorte tra gli iscritti o tra costoro ed i clienti in dipendenza dell’esercizio professionale, adoperandosi per comporle;
  • Vigilanza per la tutela dell’esercizio della professione e per la conservazione del decoro dell’Ordine;
  • Repressione dell’uso abusivo del titolo di avvocato e dell’esercizio abusivo della professione, ove occorra mediante denuncia all’Autorità Giudiziaria;
  • Organizzazione della formazione professionale continua.

L’Ordine degli Avvocati di Lecco esercita la propria attività nei riguardi degli iscritti al proprio Albo Professionale.

 

Contesto interno: L’organizzazione

L’Ordine è amministrato dal Consiglio, formato da n. 11 Consiglieri, di cui 1 Presidente, 1 Consigliere Segretario e 1 Consigliere Tesoriere.

Lo svolgimento delle attività istituzionali e le competenze si svolgono e sono regolate dalla normativa di riferimento.

Si rammenta, poi, la gratuità dell’incarico dei Consiglieri dell’Ordine e, quindi, l’esenzione (o esimente) contemplata nel co. 1-bis dell’art. 14 del D.Lgs. 33/2013 vigente che prevede, come attestato dalle stesse Linee Guida di cui alla Deliberazione Anac 241/17, che gli obblighi di cui al co. 1, lett. da a) ad f) non sussistono nei casi in cui gli incarichi o cariche di amministrazione, di direzione o di governo comunque denominati siano attribuiti a titolo gratuito, ovvero senza la corresponsione di alcuna forma di remunerazione, indennità o gettone di presenza.

https://ordineavvocati.lecco.it/ordine/

Organi di indirizzo politico-amministrativo

Fermo restando il ruolo del Consiglio, l’operatività si attua, senza deleghe tematiche, attraverso le commissioni consultive interne che seguono:

https://ordineavvocati.lecco.it/ordine/

Organi di indirizzo politico-amministrativo

Per lo svolgimento delle attività presso l’Ordine sono impiegati n. 3 dipendenti a tempo indeterminato e n. 1 a tempo determinato. Sia i dipendenti che eventuali futuri collaboratori sono sotto la direzione del Consigliere Tesoriere.

Dotazione organica

 

A supporto dell’attività dell’Ordine e nell’ottica di ottenere la massima specializzazione e competenza, si elencano i seguenti soggetti terzi con cui l’Ordine ha rapporti di collegamento e rapporti funzionali:

Consulenti e collaboratori

L’Ordine non intrattiene alcun rapporto funzionale con enti pubblici e/o di diritto privato in controllo pubblico, nonché società di diritto privato ai sensi e per gli effetti di cui all’art͘ 22 del D.Lgs n͘ 33/2013.

 

Processo di adozione del PTPCT

Il Consiglio dell’Ordine di Lecco nella seduta del 08/04/2022 mentre veniva informato sulla compilazione dello schema del presente PTPCT collaborava anche in tal sede fornendo dati utili al RPCT che l’ha predisposto.

Il Consiglio dell’Ordine ha approvato con Deliberazione di Consiglio del 08/04/2022 lo schema del presente PTCPT all’uopo predisposto dal RPCT. Lo schema è stato messo in pubblica consultazione sul sito web in data 11/04/2022 per sette giorni con termine delle ore 12:00 del 18/04/2022 per la presentazione di eventuali osservazioni o apporti.

La versione definitiva approvata nella seduta di Consiglio del ________ tiene conto delle osservazioni pervenute durante la consultazione.

L’arco temporale di riferimento del presente programma è il triennio 2022 – 2024; eventuali modifiche ed integrazioni che si rendessero necessarie e/o opportune successivamente, saranno sottoposte ad approvazione in concomitanza degli aggiornamenti annuali del PTPCT.

Pubblicazione del PTPCT

Il presente PTPCT viene pubblicato sul sito istituzionale dell’Ordine nell’apposita Sezione dedicata di “Amministrazione Trasparente” all’indirizzo

Programma per la trasparenza e l’integrità

Il PTPCT potrà essere consultato sul sito internet istituzionale dai dipendenti, consiglieri, collaboratori e consulenti a qualsiasi titolo, per loro opportuna conoscenza, rispetto e implementazione.

Soggetti Coinvolti nel PTPCT

Consiglio dell’Ordine

Il Consiglio dell’Ordine approva il PTPCT e dà impulso alla sua esecuzione, diffusione e rispetto, assicurando idonee risorse, umane e finanziarie, che si rendessero necessarie, utili od opportune per la corretta e costante implementazione.

Il Consiglio, altresì, supporta le iniziative del CNF divulgandole e incoraggiando i propri dipendenti, collaboratori, Consiglieri e RPCT a partecipare assiduamente alle iniziative del CNF.

Il RPCT

Il RPCT, Avv. Giovanni Priore, Consigliere dell’Ordine privo di deleghe operative, è stato nominato dal Consiglio con delibera del 04/02/2019, ed opera in conformità alla normativa vigente, sia relativamente alle attività da svolgere sia alle responsabilità connesse.

Il RPCT è in possesso dei requisiti di professionalità e di integrità connessi al ruolo, non riveste ruoli operativi nelle aree di rischio tipiche degli Ordini e dialoga costantemente con il Consiglio dell’Ordine.

Dipendenti

I dipendenti prendono attivamente parte alla predisposizione del PTPCT fornendo i propri input e le proprie osservazioni. Prendono, altresì, parte al processo di implementazione e attuazione del PTPCT, fornendo un contributo fattuale anche assumendo incarichi e compiti specifici. Operano, inoltre, come controllo di prima linea rispetto alle attività poste in essere.

Organismi indipendenti di valutazione

A fronte del disposto di cui all’art͘ 2, comma 2 bis del DL 101/2013, l’Ordine non è dotato di OIV.

I compiti dell’OIV in quanto compatibili ed applicabili, verranno svolti dal soggetto di tempo in tempo designato per competenza. In carenza di designazioni specifiche resta OIV lo stesso RCPT.

RASA

Al fine dell’alimentazione dei dati nell’AUSA, l’Ordine ha individuato la Consigliera Avv. Raffaella Gianola che procederà ad alimentare la banca dati BDNCP fino all’entrata in vigore del sistema di qualificazione delle stazioni appaltanti di cui all’art. 38 del D.lgs. 50/2016.

DPO – Data protection officer

In considerazione del Reg. UE 2016/679 e della normativa italiana di integrazione del D.Lgs. 196/2003, l’Ordine degli Avvocati di Lecco ha proceduto alla nomina del proprio Data Protection Officer nella persona dell’avv. Alice Pisapia.

In coerenza con il ruolo assegnato dalla normativa di riferimento, e in considerazione di quanto anche espresso dal Garante Privacy e dall’ANAC in tema di separatezza dei ruoli di RPCT e DPO, il DPO fornirà supporto al titolare del trattamento relativamente a tematiche che dovessero avere impatti sulla trasparenza, sulla pubblicazione dei dati e sulle richieste di accesso.

STAKEHOLDERS

In considerazione dell’interesse pubblicistico sotteso all’attività dell’Ordine, l’Ente incoraggia il coinvolgimento dei vari portatori di interesse attraverso la realizzazione di forme di pubblica consultazione che avviene mediante la pubblicazione sul sito internet della bozza di PTPCT adottato dal Consiglio preventivamente alla definitiva approvazione.

 

 

 

L’INDIVIDUAZIONE E LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO: METODOLOGIA UTILIZZATA

 

1. Valutazione e trattamento del rischio  

Secondo il PNA 2019, la valutazione del rischio è una “macro-fase” del processo di gestione del rischio, nella quale il rischio stesso viene “identificato, analizzato e confrontato con gli altri rischi al fine di individuare le priorità di intervento e le possibili misure correttive e preventive (trattamento del rischio)”. 

Tale “macro-fase” si compone di tre (sub) fasi: identificazione, analisi e ponderazione. 

1.1. Identificazione  

Nella fase di identificazione degli “eventi rischiosi” l’obiettivo è individuare comportamenti o fatti, relativi ai processi dell’amministrazione, tramite i quali si concretizza il fenomeno corruttivo. 

Secondo l’ANAC, “questa fase è cruciale perché un evento rischioso non identificato non potrà essere gestito e la mancata individuazione potrebbe compromettere l’attuazione di una strategia efficace di prevenzione della corruzione”. 

Per individuare gli “eventi rischiosi” è necessario: definire l’oggetto di analisi; utilizzare tecniche di identificazione e una pluralità di fonti informative; individuare i rischi e formalizzarli nel PTPCT. 

L’oggetto di analisi è l’unità di riferimento rispetto alla quale individuare gli eventi rischiosi. 

Dopo la “mappatura”, l’oggetto di analisi può essere: l’intero processo; ovvero le singole attività che compongono ciascun processo. 

Secondo l’Autorità, “Tenendo conto della dimensione organizzativa dell’amministrazione, delle conoscenze e delle risorse disponibili, l’oggetto di analisi può essere definito con livelli di analiticità e, dunque, di qualità progressivamente crescenti”. 

L’ANAC ritiene che, in ogni caso, il livello minimo di analisi per l’identificazione dei rischi debba essere rappresentato almeno dal “processo”. In tal caso, i processi rappresentativi dell’attività dell’amministrazione “non sono ulteriormente disaggregati in attività”. Tale impostazione metodologica è conforme al principio della “gradualità”. 

L’analisi svolta per processi, e non per singole attività che compongono i processi, “è ammissibile per amministrazioni di dimensione organizzativa ridotta o con poche risorse e competenze adeguate allo scopo, ovvero in particolari situazioni di criticità” come lo è sicuramente l’Ordine degli Avvocati di Lecco.

L’Autorità consente che l’analisi non sia svolta per singole attività anche per i “processi in cui, a seguito di adeguate e rigorose valutazioni già svolte nei precedenti PTPCT, il rischio corruttivo [sia] stato ritenuto basso e per i quali non si siano manifestati, nel frattempo, fatti o situazioni indicative di qualche forma di criticità”.

In ossequio agli indirizzi del PNA appena esposti, è stata svolta una mappatura in continuità con quella degli anni precedenti nonché in conformità agli indirizzi espressi dall’ANAC.

Data la dimensione organizzativa dell’ente, è stata svolta una analisi per aree di rischio e, all’interno di esse, di singoli “processi” (senza scomporre gli stessi in “attività”, fatta eccezione per i processi relativi agli affidamenti di lavori, servizi e forniture). 

L’ANAC propone, a titolo di esempio, un elenco di fonti informative utilizzabili per individuare eventi rischiosi: i risultati dell’analisi del contesto interno e esterno; le risultanze della mappatura dei processi; l’analisi di eventuali casi giudiziari e di altri episodi di corruzione o cattiva gestione accaduti in passato, anche in altre amministrazioni o enti simili; incontri con i responsabili o il personale che abbia conoscenza diretta dei processi e quindi delle relative criticità; gli esiti del monitoraggio svolto dal RPCT e delle attività di altri organi di controllo interno; le segnalazioni ricevute tramite il “whistleblowing” o attraverso altre modalità; le esemplificazioni eventualmente elaborate dall’ANAC per il comparto di riferimento; il Registro dei rischi realizzato da altre amministrazioni, simili per tipologia e complessità organizzativa. 

Tanto premesso e considerato, si precisa che sono state applicate principalmente le metodologie seguenti:  

  • i risultati dell’analisi del contesto;
  • le risultanze della mappatura;
  • l’analisi di casi giudiziari e di altri episodi di corruzione o cattiva gestione accaduti in passato in altre amministrazioni o enti simili;
  • la verifica dell’assenza di segnalazioni ricevute tramite il “whistleblowing” o con altre modalità. Identificazione dei rischi: una volta individuati gli eventi rischiosi, questi devono essere formalizzati e documentati nel PTPCT. 

Secondo l’Autorità, la formalizzazione potrà avvenire tramite un “registro o catalogo dei rischi” dove, per ogni oggetto di analisi, processo o attività che sia, è riportata la descrizione di “tutti gli eventi rischiosi che possono manifestarsi”. Per ciascun processo deve essere individuato almeno un evento rischioso. 

Nella costruzione del registro l’Autorità ritiene che sia “importante fare in modo che gli eventi rischiosi siano adeguatamente descritti” e che siano “specifici del processo nel quale sono stati rilevati e non generici”. 

Dalla mappatura svolta dal RPCT unitamente al professionista incaricato a supporto del medesimo e ai referenti dell’Ufficio Segreteria, si elencano qui di seguito, per ciascuna area di operatività, i processi in cui potrebbe configurarsi un rischio di corruzione, corruttela o mala gestio sono quelli indicati nel “Registro dei rischi” allegato al presente documento (Allegato 1). 

Per ciascun processo è indicato il rischio più grave individuato. 

 

2. Analisi del rischio 

L’analisi del rischio secondo il PNA si prefigge due obiettivi: comprendere gli eventi rischiosi, identificati nella fase precedente, attraverso l’esame dei cosiddetti “fattori abilitanti” della corruzione; stimare il livello di esposizione al rischio dei processi e delle attività. 

2.1. Fattori abilitanti

L’analisi è volta a comprendere i “fattori abilitanti” la corruzione e cioè i fattori di contesto che agevolano il verificarsi di comportamenti o fatti di corruzione.

Per ciascun rischio, i fattori abilitanti possono essere molteplici e combinarsi tra loro.

L’Autorità propone i seguenti esempi: 

  • assenza di misure di trattamento del rischio (controlli): si deve verificare se siano già stati predisposti, e con quale efficacia, strumenti di controllo degli eventi rischiosi;
  • mancanza di trasparenza;
  • eccessiva regolamentazione, complessità e scarsa chiarezza della normativa di riferimento;
  • esercizio prolungato ed esclusivo della responsabilità di un processo da parte di pochi o di un unico soggetto;
  • scarsa responsabilizzazione interna;
  • inadeguatezza o assenza di competenze del personale addetto ai processi;
  • inadeguata diffusione della cultura della legalità;
  • mancata attuazione del principio di distinzione tra politica e amministrazione.

I fattori presi in considerazione dalla presente analisi sono la probabilità dell’accadimento e l’impatto del medesimo sull’Ordine.

Il Registro dei rischi è contenuto nel presente PTPCT quale Allegato 1 Registro dei Rischi – PTPCT 2022-2024.

 

3. Stima del livello di rischio 

In questa fase si procede alla stima del livello di esposizione al rischio per ciascun oggetto di analisi.  Misurare il grado di esposizione al rischio consente di individuare i processi e le attività sui quali concentrare le misure di trattamento e il successivo monitoraggio da parte del RPCT. 

Secondo l’ANAC, l’analisi deve svolgersi secondo un criterio generale di “prudenza” poiché è assolutamente necessario “evitare la sottostima del rischio che non permetterebbe di attivare in alcun modo le opportune misure di prevenzione”. 

L’analisi si sviluppa secondo le sub-fasi seguenti: scegliere l’approccio valutativo; individuare i criteri di valutazione; rilevare i dati e le informazioni; formulare un giudizio sintetico, adeguatamente motivato. 

Per stimare l’esposizione ai rischi, l’approccio può essere di tipo qualitativo o quantitativo, oppure un mix tra i due. 

Approccio qualitativo: l’esposizione al rischio è stimata in base a motivate valutazioni, espresse dai soggetti coinvolti nell’analisi, su specifici criteri. Tali valutazioni, anche se supportate da dati, in genere non prevedono una rappresentazione di sintesi in termini numerici. 

Approccio quantitativo: nell’approccio di tipo quantitativo si utilizzano analisi statistiche o matematiche per quantificare il rischio in termini numerici. 

Secondo l’ANAC, “considerata la natura dell’oggetto di valutazione (rischio di corruzione), per il quale non si dispone, ad oggi, di serie storiche particolarmente robuste per analisi di natura quantitativa, che richiederebbero competenze che in molte amministrazioni non sono presenti, e ai fini di una maggiore sostenibilità organizzativa, si suggerisce di adottare un approccio di tipo qualitativo, dando ampio spazio alla motivazione della valutazione e garantendo la massima trasparenza”. 

3.1. Criteri di valutazione

L’Ordine degli Avvocati di Lecco ha scelto il c.d. approccio qualitativo aderendo alle indicazioni di ANAC.

In relazione a tale tipo di approccio l’ANAC ritiene che “i criteri per la valutazione dell’esposizione al rischio di eventi corruttivi possono essere tradotti operativamente in indicatori di rischio (key risk indicators) in grado di fornire delle indicazioni sul livello di esposizione al rischio del processo o delle sue attività componenti”. 

Per stimare il rischio, quindi, è necessario definire preliminarmente indicatori del livello di esposizione del processo al rischio di corruzione. 

Gli specifichi criteri richiesti da tale tipo di approccio hanno quale fondamento la probabilità dell’accadimento dell’evento correttivo e la forza dell’impatto reputazione ed economico che tale evento può avere, secondo la seguente tabella:

Probabilità

Accadimento raro

Accadimento che è già successo e che si pensa possa succedere di nuovo

Accadimento che si ripete ad intervalli brevi

Impatto

Effetti reputazionali ed economici trascurabili

Quando gli effetti reputazionali ed economici sono minori e mitigabili nel breve periodo (da 6 mesi a 1 anno)

Quando gli effetti reputazioni ed economici sono seri e si deve procedere con immediatezza alla gestione del rischio (entro 6 mesi)

 

All’interno e per ciascuno dei criteri sopra esposti vengono individuati ulteriori elementi identificativi (rectius: indicatori di rischio) volti a definire in maniera il più possibile precisa il grado di probabilità di verificazione e quello di impatto.

In particolare sono indicatori di probabilità quale criterio di valutazione del rischio, la presenza dei seguenti processi all’interno dell’assetto organizzativo dell’Ente:

  1. Processo definito con decisione collegiale;
  2. Processo regolato da normativa esterna;
  3. Processo regolato da autoregolamentazione;
  4. Processo soggetto a controllo finale di un soggetto terzo (ade esempio: i revisori, l’assemblea degli iscritti);
  5. Processo senza effetti economici per l’Ordine;
  6. Processo senza effetti economici per i terzi;
  7. Processo gestito da dirigente con delega specifica;
  8. Processo del cui svolgimento viene data trasparenza sul sito istituzionale.

 

Presenza di 4 indicatori

Valore basso

Presenza di 3 indicatori

Valore medio

Presenza da 2 indicatori e a diminuire

Valore alto

 

Sono invece indicatori di impatto i seguenti elementi:

  1. Lo svolgimento del processo coinvolge l’intero Consiglio dell’Ordine;
  2. Lo svolgimento coinvolge, in forza di delega, i ruoli apicali;
  3. L’esistenza negli ultimi 5 anni di procedimenti contabili, penali, amministrativi, a carico dei Consiglieri costituenti il Consiglio al momento della valutazione;
  4. L’esistenza negli ultimi 5 anni di procedimenti giudiziari, civili, amministrativi a carico dell’Ordine;
  5. L’esistenza di notizie circostanziate (stampa/internet) relative a illeciti commessi da Consiglieri dell’Ordine o dall’Ordine;
  6. L’esistenza di procedimenti disciplinari a carico di Consiglieri dell’Ordine costituenti il Consiglio al momento della valutazione;
  7. L’esistenza di condanne di risarcimento a carico dell’Ordine;
  8. Il Commissariamento dell’Ordine negli ultimi 5anni;
  9. Il processo non è mappato.

 

presenza di 1 sola circostanza

Valore basso

presenza di 2 circostanze

Valore medio

presenza di 3 circostanze ed oltre

Valore alto

 

3.2 Calcolo del rischio

Il calcolo del grado di rischio (giudizio di rischiosità) viene quindi individuato moltiplicando il fattore di probabilità con il fattore di impatto il cui risultato sarà la seguente matrice del rischio:

IMPATTO

A

 

 

 

 

IMPATTO

M

 

 

 

IMPATTO

B

 

 

 

 

 

B

M

A

                                                   PROBABILITÀ             PROBABILITÀ             PROBABILITÀ

Legenda:

 

RISCHIOSITÀ BASSA

 

RISCHIOSITÀ MEDIA

 

RISCHIOSITÀ ALTA

 

 

I risultati dell’analisi dei rischi sono stati riportati nel presente PTPCT nella scheda Allegato 2 Tabella valutazione dei rischi 2021 – PTPCT 2022-2024.

L’attività di ponderazione dei rischi è rinvenibile con un giudizio in forma numerica sempre nella predetta scheda.

 

ULTERIORE GESTIONE DEL RISCHIO – IL TRATTAMENTO

4. L’individuazione delle misure di prevenzione

Le misure di prevenzione adottate dall’Ordine si distinguono in obbligatorie ed ulteriori, come di seguito indicato. 

A completamento, altra misura utile è costituita dall’attività di monitoraggio svolta nel continuo dal RPCT.

 

Misure di prevenzione obbligatorie

  • Adeguamento alla normativa trasparenza di cui al D.lgs. 33/2013 e, per l’effetto, predisposizione e aggiornamento della sezione Amministrazione trasparente;
  • Partecipazione alle sessioni formative da parte dei soggetti tenuti come da Piano di formazione allegato al presente documento;
  • Verifica delle situazioni di incompatibilità ed inconferibilità;
  • Codice di comportamento specifico dei dipendenti e tutela del dipendente segnalante;
  • Gestione dell’accesso civico e dell’accesso civico generalizzato, oltre che dell’accesso agli atti ex L. 241/90, secondo le indicazioni fornite nella Sezione Trasparenza del presente PTPCT. Tra le misure obbligatorie va, ovviamente, annoverato la pianificazione in materia anticorruzione e trasparenza di cui al presente PTPCT.

 

Misure di prevenzione ulteriori e specifiche

Le misure ulteriori e specifiche sono tarate sull’attività che l’Ordine pone in essere, sulle modalità di svolgimento dei compiti istituzionali, sull’organizzazione interna e ovviamente sui processi propri di ciascun ente.

Avuto riguardo agli elementi sopra indicati, l’Ordine si dota delle misure come indicate nell’Allegato 3 Tabella delle misure di prevenzione del rischio – PTPCT 2022 – 2024 dove sono indicate tutte le misure specifiche adottate dall’Ente.

 

5.Attività di controllo e monitoraggio

L’attività di monitoraggio sull’efficacia delle misure di prevenzione è svolta dal RPCT sulla base di un piano di monitoraggio e di controlli stabilito annualmente, che tiene conto della ponderazione del rischio e quindi della maggiore probabilità di accadimento nei processi ritenuti rischiosi.

L’esito annuale dei controlli, oltre a trovare spazio nella Relazione annuale del RPCT, viene sottoposto dal RPCT al Consiglio che, in caso di evidenti inadempimenti, assumerà le iniziative ritenute più opportune.

Il Piano dei controlli è allegato al presente PTPCT quale Allegato 6 Piano annuale dei controlli – PTPCT 2022 – 2024 che ha valenza annuale e viene rimodulato nel triennio di riferimento a seconda del livello di progressione dei presidi anticorruzione.

In particolare:

Programmazione delle misure di prevenzione

L’allegato 1 al PNA 2019 propone una scansione temporale sia delle azioni che del relativo monitoraggio (CFR Tabella n. 6 pag. 45 – All.to 1 PNA 2019); anche per il presente piano si ritiene di stabilire il termine del 30/11/2022, quale termine per effettuare il monitoraggio delle misure e dei relativi indicatori.

Per abbattere il rischio corruttivo, si ritiene che nel triennio vadano applicate queste misure di carattere generale, da sottoporre a monitoraggio al termine di ogni esercizio prima dell’aggiornamento del PTPCT:

Misure generali

(CFR box n. 22 pag. 34 –

All.to 1 PNA 2019)

Indicatori di monitoraggio richiesti

(CFR Tabella n. 8 pag. 39 – All.to 1 PNA 2019)

Esiti del monitoraggio

Controllo

Percentuale di controlli effettuati su numero di pratiche/provvedimenti ..

10%

Da inserire al monitoraggio previsto nel PTPCT al 30/11/2022

Trasparenza

Percentuale di atti pubblicati relativi al processo in questione

100%

salva applicazione normativa privacy

Da inserire al monitoraggio previsto nel PTPCT al 30/11/2022

Definizione di standard di comportamento

Numero di incontri o comunicazioni effettuate

Min. 1

Da inserire al monitoraggio previsto nel PTPCT al 30/11/2022

Regolamentazione

Verifica adozione del regolamento di gestione del processo o di attività

SI/NO

Da inserire al monitoraggio previsto nel PTPCT al 30/11/2022

Semplificazione

Verifica di documentazione sistematizzino e semplifichino il processo

SI/NO

Da inserire al monitoraggio previsto nel PTPCT al 30/11/2022

Formazione

Effettuazione di un corso di formazione

SI/NO

Da inserire al monitoraggio previsto nel PTPCT al 30/11/2022

Sensibilizzazione e partecipazione

Numero di iniziative svolte ed evidenza dei contributi raccolti

Min. 1 news sul sito

Da inserire al monitoraggio previsto nel PTPCT al 30/11/2022

Segnalazione e protezione del dipendente

Azioni particolari per agevolare, sensibilizzare, garantire i segnalanti

Realizzare una brochure da distribuire ai dipendenti con le istruzioni

Da inserire al monitoraggio previsto nel PTPCT al 30/11/2022

Disciplina del conflitto di interessi

Specifiche previsioni su casi particolari di conflitto di interessi tipiche del processo

Da definire con apposito provvedimento entro il ____________

Da inserire al monitoraggio previsto nel PTPCT al 30/11/2022

 

Altre iniziative

Rotazione del personale

La rotazione del personale, ormai da qualche anno, è stata individuata come una misura utile ad abbattere il rischio corruttivo ed il PNA 2019 definisce in maniera compiuta due tipi di rotazione:

  1. La rotazione straordinaria

L’istituto della rotazione c.d. straordinaria è misura di prevenzione della corruzione, da disciplinarsi nel PTPCT o in sede di autonoma regolamentazione cui il PTPCT deve rinviare. L’istituto è previsto dall’art. 16, co. 1, lett. l-quater) d.lgs. n. 165/2001, come misura di carattere successivo al verificarsi di fenomeni corruttivi. La norma citata prevede, infatti, la rotazione «del personale nei casi di avvio di procedimenti penali o disciplinari per condotte di natura corruttiva».

Questo tipo di rotazione non è mai stata attuata in questo Ente in quanto non si è mai verificato nessuno dei casi che la norma pone come presupposto per la sua attivazione.

  1. La rotazione ordinaria

La rotazione c.d. “ordinaria” del personale addetto alle aree a più elevato rischio di corruzione rappresenta una misura di importanza cruciale tra gli strumenti di prevenzione della corruzione. Essa è stata introdotta nel nostro ordinamento, quale misura di prevenzione della corruzione, dalla legge 190/2012 – art. 1, co. 4, lett. e), co. 5 lett. b), co. 10 lett. b).

Le amministrazioni sono tenute a indicare nel PTPCT come e in che misura fanno ricorso alla rotazione e il PTPCT può rinviare a ulteriori atti organizzativi che disciplinano nel dettaglio l’attuazione della misura.

Stante l’attuale dotazione organica dell’Ente, che risulta assai limitata (4 dipendenti in totale), pur considerando la rotazione del personale una misura di importanza cruciale tra gli strumenti di prevenzione della corruzione, non è possibile ipotizzarne l’attuazione all’interno dell’Ordine.

Tuttavia, il sistema di controllo attualmente in vigore lascia poco spazio a decisioni personalistiche che possano dar origine a reati connessi alla corruzione. Va inoltre precisato che la normativa ordinistica non permette né ai dipendenti, né ai Dirigenti (nel caso dell’Ordine di Lecco non presenti) autonomia decisionale. Ogni decisione o autorizzazione alla spesa deve passare dal Consiglio. Anche il Consiglio stesso può deliberare soltanto nei termini economici dettati dal Regolamento di Contabilità e dal Bilancio che viene approvato dalla Assemblea degli iscritti. Tutto questo rende quasi nullo il rischio di corruzione, anche alla luce delle ultime disposizioni in materia di appalti e contratti.

Inconferibilità ed incompatibilità degli incarichi

Il RPCT verifica la sussistenza di eventuali condizioni ostative in capo ai soggetti cui si intende conferire l’incarico, sia all’atto del conferimento dell’incarico, sia tempestivamente in caso di nuovi incarichi, in conformità al disposto del D.lgs. 39/2013.

Parimenti il soggetto cui è conferito l’incarico, all’atto della nomina, rilascia una dichiarazione sulla insussistenza delle cause di inconferibilità o incompatibilità e tale dichiarazione è condizione di acquisizione dell’efficacia della nomina.

Il RPCT opera, altresì, in conformità alle Linee Guida ANAC di cui alla Delibera 833/2016. Relativamente alla dichiarazione di assenza di conflitti di interessi e di incompatibilità da parte dei Consiglieri dell’Ordine e dei dipendenti, la dichiarazione viene richiesta e resa al RPCT con cadenza annuale.

Misure a tutela del dipendente segnalante

Relativamente al dipendente che segnala violazioni o irregolarità riscontrate durante la propria attività, il PNA 2019 prevede che siano accordate al whistleblower le seguenti misure di tutela:

  1. la tutela dell’anonimato;
  2. il divieto di discriminazione;
  3. la previsione che la denuncia sia sottratta al diritto di accesso (fatta esclusione delle ipotesi eccezionali descritte nel comma 2 del nuovo art. 54-bis).

A tal fine questo Ente non si è dotato di un sistema informatizzato proprio, in quanto ritiene che sia consigliabile e maggiormente tutelante il ricorso all’apposita pagina web di ANAC: https://servizi.anticorruzione.it/segnalazioni/#/ che consente l’inoltro e la gestione di segnalazioni in maniera del tutto anonima.

È stato, inoltre, predisposto un apposito modello di segnalazione (allegato 8).

Come già evidenziato nella relazione del RPCT, non sono pervenute segnalazioni ai sensi della normativa indicata.

Peraltro, in ragione delle ridotte dimensioni dell’Ente e del numero limitato di personale operante al proprio interno, la misura pare attualmente non applicabile.

Il sistema di tutele è comunque garantito dalla continua e quotidiana interlocuzione con il personale da parte del RPCT e del Presidente del Consiglio.

 

Divieti post-employment (pantouflage)

Questa fattispecie è stata definita nel PNA 2019:

L’art. 1, co. 42, lett. l), della l. 190/2012 ha inserito all’art. 53 del d.lgs. 165/2001 il co. 16-ter che dispone il divieto per i dipendenti che, negli ultimi tre anni di servizio, abbiano esercitato poteri autoritativi o negoziali per conto delle pubbliche amministrazioni, di svolgere, nei tre anni successivi alla cessazione del rapporto di lavoro, attività lavorativa o professionale presso i soggetti privati destinatari dell’attività dell’amministrazione svolta attraverso i medesimi poteri.

La materia è stata oggetto di alcuni importanti approfondimenti di ANAC che sono consultabili da pag. 64 e seg. del PNA 2019: “1.8. Divieti post-employment (pantouflage)”.

Ai fini dell’applicazione della predetta normativa, per il tramite del RPCT, l’Ente procede ad un ulteriore verifica di quanto segue che:

  1. Nei contratti di assunzione del personale sia inserita la clausola che prevede il divieto di prestare attività lavorativa (a titolo di lavoro subordinato o di lavoro autonomo) per i tre anni successivi alla cessazione del rapporto nei confronti dei destinatari di provvedimenti adottati o di contratti conclusi con l’apporto decisionale del dipendente;
  2. Nei bandi di gara o negli atti prodromici agli affidamenti, anche mediante procedura negoziata, sia inserita la condizione soggettiva di non aver concluso contratti di lavoro subordinato o autonomo e comunque di non aver attribuito incarichi ad ex dipendenti che hanno esercitato poteri autoritativi o negoziali per conto delle pubbliche amministrazioni nei loro confronti per il triennio successivo alla cessazione del rapporto;
  3. Sia disposta l’esclusione dalle procedure di affidamento nei confronti dei soggetti per i quali sia emersa la situazione di cui al punto precedente.
  4. Si agisca in giudizio per ottenere il risarcimento del danno nei confronti degli ex dipendenti per i quali sia emersa la violazione dei divieti contenuti nell’art.53, comma 16ter, decreto legislativo n.165/2001.

I patti d’integrità

Nelle linee guida adottate dall’ANAC con la delibera n. 494/2019 sui conflitti di interessi nelle procedure di affidamento di contratti pubblici è stato suggerito l’inserimento, nei protocolli di legalità e/o nei patti di integrità, di specifiche prescrizioni a carico dei concorrenti e dei soggetti affidatari mediante cui si richiede la preventiva dichiarazione sostitutiva della sussistenza di possibili conflitti di interessi rispetto ai soggetti che intervengono nella procedura di gara o nella fase esecutiva e la comunicazione di qualsiasi conflitto di interessi che insorga successivamente.

 

 

 

 

Sezione trasparenza

INTRODUZIONE

La trasparenza è presidio fondamentale alla lotta alla corruzione e l’Ordine prosegue a conformarsi ai relativi adempimenti, in quanto compatibili.

La predisposizione della sezione trasparenza è stata fatta in ottemperanza del D.Lgs. 33/2013, come modificato dal D.Lgs. 97/2016 ed in conformità con quanto recentemente previsto dalla Deliberazione ANAC n. 777/2021.

Pertanto la valutazione della compatibilità ed applicabilità degli obblighi di trasparenza (cfr. art. 2bis, comma 2 del D.Lgs. 33/2013) viene condotta dall’Ordine sulla base della propria attività, missione istituzionale, dimensione organizzativa, propensione al rischio, applicazione in quanto compatibile dei principi di cui al D.gs. 165/2001 (cfr. art. 2, comma 2 e 2 bis del DL 101/2013).

SEZIONE TRASPARENZA – OBIETTIVI

La presente Sezione ha ad oggetto le misure e le modalità che l’Ordine degli Avvocati di Lecco adotta per l’implementazione ed il rispetto della normativa sulla trasparenza, con specifico riguardo alle misure organizzative, alla regolarità e tempestività dei flussi informativi tra i vari soggetti coinvolti nell’adeguamento, le tempistiche per l’attuazione, le risorse dedicate e il regime dei controlli predisposti.

SOGGETTI COINVOLTI

La presente sezione si riporta integralmente a quanto già rappresentato nei precedenti paragrafi relativamente ai soggetti coinvolti, con le seguenti integrazioni che si rendono opportune per la peculiarità della misura della trasparenza.

Responsabili degli Uffici

Non avendo specifici responsabili dei singoli uffici dell’Ordine ma solo 4 dipendenti ed i consiglieri dell’Ordine, gli stessi sono unitamente e disgiuntamente tenuti alla formazione/reperimento, trasmissione e pubblicazione dei dati nella sezione Amministrazione Trasparente, secondo lo Schema allegato che è conforme a quanto previsto nell’Allegato 2 della Deliberazione ANAC 777/2021 (Allegato 5 Schema degli obblighi di trasparenza -PTPCT 2022 – 2024).

Nello specifico, i suddetti soggetti per competenza:

  1. Si adoperano per garantire il tempestivo e regolare flusso delle informazioni da pubblicare ai sensi e per gli effetti della normativa vigente;
  2. Si adoperano per garantire l’integrità, il costante aggiornamento, la completezza, la tempestività, la semplicità di consultazione, la facile accessibilità, la conformità dei documenti pubblicati a quelli originali in possesso dell’Ordine, l’indicazione della provenienza e la riutilizzabilità.

I soggetti, sopra esposti, collaborano attivamente e proattivamente con il RPCT e con i soggetti preposti all’adeguamento alla normativa nel reperimento dei dati obbligatori e/o da questi richiesti e sia nelle verifiche e controlli che questi è tenuto a fare.

Gli uffici coinvolti nell’attuazione della trasparenza sono:

Ufficio

Dipendenti

Ufficio Segreteria

Dipendenti

Ufficio di Presidenza

Presidente Pro Tempore

Ufficio Contabilità

Tesoriere Pro Tempore

Ufficio Acquisti

Tesoriere Pro Tempore

Ufficio comunicazione

Presidente Pro Tempore

Consigliere Segretario

Segretario Pro Tempore

 

Provider informatico e inserimento dati

L’adeguamento alla normativa trasparenza, con particolare riguardo alla fase meramente materiale di inserimento dei dati, viene svolta senza l’ausilio di un provider esterno e quindi per il tramite del consigliere Avv. Andrea Spreafico, nominato con deliberazione consiliare del 12.07.2019 Responsabile della trasmissione e della pubblicazione dei documenti, delle informazioni e dei dati ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs n. 33/2013 così come modificati dall’art. 10, comma 1, lett. b) del D.Lgs n. 97/2016.

PUBBLICAZIONE DATI E INIZIATIVE PER LA COMUNICAZIONE DELLA TRASPARENZA

La presente Sezione è parte integrante e sostanziale del PTPCT.

Ai fini della comunicazione delle iniziative di trasparenza, l’Ordine adotta le seguenti iniziative:

  • Condivide la propria politica sulla trasparenza con i propri iscritti durante l’assemblea annuale degli iscritti, illustrando le iniziative -anche organizzative- a supporto dell’obbligo;
  • Contestualmente all’adozione del PTPCT e al fine di mettere tutti i dipendenti/collaboratori in grado di assolvere con consapevolezza agli obblighi, organizza un incontro formativo interno finalizzato alla condivisione del PTPCT, sotto il profilo operativo, e degli obblighi di pubblicazione.

MISURE ORGANIZZATIVE

Amministrazione trasparente

La strutturazione della sezione “Amministrazione trasparente” tiene conto delle peculiarità e specificità connesse alla natura, ruolo e funzioni istituzionali dell’Ordine, alle indicazioni fornite dal Decreto Legge n. 101/2013 in materia di adozione dei principi del D.lgs. 165/2001, all’inciso “in quanto compatibile” di cui all’applicazione del decreto trasparenza a ordini e collegi.

In merito alle modalità di popolamento dei dati del Consiglio trasparente:

  • in alcune circostanze, le informazioni vengono pubblicate mediante collegamento ipertestuale a documenti già presenti sul sito istituzionale;
  • mediante il ricorso alle Banche dati, ai sensi e per gli effetti dell’art͘ 9 del D.Lgs. 33/2013;
  • I link a pagine, documenti e in genere gli atti vengono utilizzati nel rispetto del provvedimento del garante per la protezione dei dati personali n. 243/2014 recante “Linee guida in materia di trattamento di dati personali, contenuti anche in atti e documenti amministrativi, effettuato per finalità di pubblicità e trasparenza sul web da soggetti pubblici ed altri enti obbligati”.

Obblighi e adempimenti

Gli obblighi e gli adempimenti cui l’Ordine è tenuto ai sensi del D.Lgs. 33/2013 sono contenuti e riportati nella tabella di cui all’allegato 5 al presente documento (Allegato 5 – Schema degli obblighi di Trasparenza) che costituisce parte integrante e sostanziale dello stesso. La tabella indica in maniera schematica l’obbligo di pubblicazione, il riferimento normativo, la sottosezione del sito amministrazione trasparente in cui deve essere inserito, il soggetto responsabile, nominativamente individuato, del reperimento/formazione del dato, della trasmissione e della pubblicazione e la tempistica di aggiornamento del dato.

Modalità di pubblicazione

I dati da pubblicare devono essere trasmessi dagli uffici e dai soggetti individuati come responsabili della formazione/reperimento al consigliere Avv. Andrea Spreafico, nominato con deliberazione consiliare del 12.07.2019 Responsabile della trasmissione e della pubblicazione dei documenti, delle informazioni e dei dati ai sensi dell’art. 10 del D.Lgs n. 33/2013 così come modificati dall’art. 10, comma 1, lett. b) del D.Lgs n. 97/2016, che ne cura la pubblicazione.

Monitoraggio e controllo dell’attuazione delle misure organizzative

Il RPCT, anche con l’ausilio di un consulente specificatamente dedicato, pone in essere misure di controllo e di monitoraggio sull’attuazione degli obblighi previsti in tema di trasparenza, secondo quanto stabilito nel piano di monitoraggio e controllo.

 

Accesso Civico

L’accesso agli atti è gestito attraverso il regolamento approvato dal Consiglio in data 16.07.2010 ed entrato in vigore in data 01.09.2010 disciplinante l’accesso documentale, l’accesso civico e l’accesso civico generalizzato.

Attraverso il presente Regolamento vengono disciplinati i seguenti diritti di accesso:

  1. a) Accesso documentale o accesso agli atti, ovvero il diritto dell’interessato alla partecipazione al procedimento amministrativo, secondo le disposizioni della Legge 241/1990 e del DPR 184/2006;
  2. b) Accesso civico o accesso civico semplice, ovvero il diritto di chiunque di richiedere i documenti, le informazioni o i dati che l’ente abbia omesso di pubblicare pur avendone l’obbligo ai sensi dell’art͘ 2bis e art͘ 5, co͘ 1 del Decreto Trasparenza;
  3. c) Accesso generalizzato, ovvero il diritto di chiunque di accedere a dati e documenti detenuti dall’ente, ulteriori rispetto a quelli sottoposti ad obbligo di pubblicazione, nel rispetto dei limiti relativi alla tutela degli interessi giuridicamente rilevanti secondo le previsioni dell’art͘ 2bis e dell’art͘ 5, co͘ 2 e 5 bis del Decreto Trasparenza.
  4. Accesso documentale

È possibile richiedere l’accesso ai documenti amministrativi dell’Ordine degli Avvocati di Lecco; le richieste possono essere presentate solo da chi dimostra di avere un interesse diretto, concreto e motivato, corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento al quale è chiesto l’accesso. L’istanza va diretta al Segretario dell’Ordine e va presentata presso la Segreteria via mail. Decorsi 30 giorni della richiesta, in assenza di comunicazione la richiesta deve intendersi respinta. Sul sito istituzionale è disponibile l’apposito modulo di richiesta.

  1. Accesso civico c.d. semplice ai sensi dell’art. 5 del D.lgs. 14 marzo 2013, n. 33, così come modificato dal D.lgs. 25 maggio 2016, n. 97

Chiunque può richiedere la pubblicazione sul sito istituzionale dell’Ordine degli Avvocati di Lecco di informazioni che l’Amministrazione aveva l’obbligo di pubblicare e che sono state omesse o pubblicate parzialmente. L’istanza va indirizzata al Responsabile della Trasparenza e va presentata presso la Segreteria o via mail. Sul sito istituzionale è disponibile l’apposito modulo di richiesta.

  1. Accesso c.d. generalizzato

Chiunque può chiedere l’accesso a documenti amministrativi, dati e informazioni detenuti dall’Ordine degli Avvocati di Lecco anche in assenza di interesse concreto ed attuale necessario per il tradizionale diritto di accesso. L’istanza non va motivata. L’istanza va diretta al Segretario dell’Ordine e va presentata presso la Segreteria o via e-mail. Decorsi 30 giorni dall’istanza, in assenza di comunicazioni la richiesta deve intendersi negata. Sul sito istituzionale è disponibile l’apposito modulo di richiesta.

  1. Riesame

Nel caso di diniego totale o parziale dell’accesso o nel caso di mancata risposta entro il termine previsto, il richiedente può presentare richiesta di riesame al RPCT, che decide con provvedimento motivato entro il termine di 20 giorni. Parimenti possono presentare richiesta di riesame, con le stesse modalità, i controinteressati nel caso di accoglimento della richiesta di accesso.

  1. Istituzione registro accesso agli atti ed individuazione soggetto cui attribuire il potere sostitutivo in caso di inerzia del responsabile del procedimento (Decreto Legge n. 5/2012 convertito in Legge n. 35/2012).

Il Consiglio dell’Ordine ha istituito il registro degli accessi agli atti, pubblicato nell’apposita sezione di “Amministrazione trasparente” ed ha stabilito di attribuire il potere sostitutivo in caso di inerzia del responsabile del procedimento (DL n. 5/2012 convertito in Legge n. 35/2012) al Presidente dell’Ordine.

ELENCO DEGLI ALLEGATI al PTPCT 2022 – 2024 DELL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI LECCO

  1. Allegato “Registro dei Rischi”;
  2. Allegato “Tabella di valutazione del livello di rischio – PTPCT 2022 – 2024”;
  3. Allegato “Tabella delle Misure di prevenzione – PTPCT 2022 – 2024”;
  4. Allegato ““Piano annuale di formazione 2022”;
  5. Allegato “Schema degli obblighi di trasparenza – PTPCT 2022 – 2024”;
  6. Allegato “Piano dei controlli del RPCT dell’Ordine degli Avvocati di Lecco per l’anno 2022”;
  7. Verbale e schede per il monitoraggio del PTCPT;
  8. Modello di segnalazione Dipendente;
  9. “Codice di comportamento” disponibile sul sito dell’Ordine al link: https://ordineavvocati.lecco.it/ordine/amministrazione-trasparente/disposizioni-generali/atti-generali/